Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da 2009

Distacco

Io ti sento da lontano.
Odo nel mio silenzio il tuo silenzio.
Di giorno in giorno assisto
all'opera che il tempo,
complice mio solerte, va compiendo.
E già quello che ieri era presente
divien passato e quel che ci pareva
incredibile accade.
Io e te ci separiamo.
Tu che fosti per me più che una sposa!
Tu che volevi entrare
nella mia vita, impavida,
come in inferno un angelo
e ne fosti scacciata.
Ora che t'ho lasciata,
la vita mi rimane
quale un'indegna, un'inutile soma,
da non poterne avere più alcun bene.

(V. Caradarelli)






Grazie di avermi mandato questa poesia. Sarai sempre lì, in quella parte del mio cuore che non hai mai abbandonato.

Cuore gelato

Fuori piove…
Ormai piove da molto, tanto tempo...
….forse troppo?

Quel grigiore mi inquietava, ora mi allieta
Quei tuoni che mi facevano sobbalzare ora sono solo delle culle
Per questo cuore vuoto..

E’ inutile raggirare la questione…
..non l’ho mai fatto e non comincerò a farlo ora…

È inutile anche nascondermi, simulare, dissimulare, fingere..
...tu non te ne accorgi...
Non se ne accorge nessuno... nè questo cielo plumbeo
Che mi punisce continuamente con le sue fredde lacrime che
Cadono sulle mie calde…

È inutile stringermi un vestito addosso
Quando so benissimo che neanche quello potrà diventare
Nulla di più che un’ulteriore maschera...

Ti ho mentito?

No.

È solo che io non sono capace…

…di amare.

Casa dolce casa

Aspetti tanto tempo, impaziente, euforico, entusiasta…
E poi arriva,
giunge la vigilia del giorno in cui andrai in vacanza…

fai le valigie,
ti tormenti perché non sai mai cosa portare con te…

e poi…

...poi guardi la tua casa, la tua stanza…
cerchi di metterla in ordine,
di lasciare le cose cosi come dovrebbero stare.

Prima di uscire di casa osservi ogni piccolo particolare

Magari ti accorgi che quel libro non dovrebbe stare lì...

Oh, quel pupazzo che ti è stato regalato da quel mio amico che non vedi da anni…

E quei fiori, quanto sono belli…

È solo una vacanza
E dovresti essere felice di partire, e lo sei.
Ma c’è anche un velo di tristezza nella tua anima…

Lasciare casa è sempre opprimente…

Lasciare il tuo rifugio naturale,

lasciare quel letto dove hai speso notti di lacrime amare,

non vedere le fotografie che vedi a ogni tuo risveglio

non aprire la finestra e ammirare il quotidiano paesaggio che si staglia davanti ai tuoi occhi…

tocchi ogni cosa come se fosse l’ultima volta che lo fai…
e in fondo sai che …

Estate

Ricordando l'estate scorsa ho pensato:

"Sono la stessa, la stessa ragazza di sempre, oppure... no! Sono diversa, però
uguale... Ho la stessa essenza, ma ho cambiato involucro"


E' ormai volato un anno da allora... spesso le estati segnano le nostre vite... non ci avevo mai riflettuto...


Quest'estate voglio soltanto...

Scrivere. Tutto.

Voglio scrivere tutto di me, dei miei sentimenti.

Nascondendomi dietro a personaggi come Gabriel,
Alexandros, Serafine,
Arael o Hesediel.


In verità....
...ho soltanto paura di essere

ME STESSA.

Amicizia

"Quegli amici che hai e la cui amicizia hai messo alla prova, aggrappali alla tua anima con uncini d'acciaio." (William Shakespeare)


Ci sono persone che entrano piano nella tua vita.
Con passo leggero entrano nel tuo cuore, senza chiedere permesso si siedono lì cercando un rifugio con l’intento di non disturbare e, soprattutto, di non restare.
E invece restano lì per sempre.
Restano nel tuo cuore, nella tua testa, nella tua anima.
E improvvisamente, mentre stai seduta con lei al tuo fianco in un banco di scuola, verso fine novembre ti prende la mano e ti dice che se ne andrà presto.
Non ti rendi conto.
Pensi sia solo un brutto scherzo.
Ma la tua anima lo sa.
Oh si, lei sa.
Sa che è vero, sa che non la rivedrai più.
Continua a camminarti nel cuore.
Il suo cammino è dolce, non ti pesa, la vorresti lì per sempre.
Maggio.
State sedute su una panchina in giardino. Ridete, scherzate, vi guardate negli occhi.
Il tuo cuore urla. La tua anima piange.
I tuoi occhi cercano i suoi. Lei cerca te.
No…

Vita o morte

Piove.

Com'è bello il suono della Pioggia sul Marmo?Sento voci,volti di vapore che mi sussurrano tristemente qualcosa,parole nell'aria stantìa.


Pena,Dolore...cosa mi rimane?Niente,solo una Grande Pace e ,forse,un pò di nostalgia per tutte le cose che mi erano tanto care.


Mani che mi sfiorano,rose con splendidi profumi che ,ormai,non posso più gustare,con brillanti colori che i miei occhi non più riconoscono,acquosi e svuotati d'ogni Luce....che fate?Perchè state piangendo?


Qualche lacrima bagna i volti dei miei più cari amici.
La Pioggia bagna il Mio Cenotafio.
Non ho neanche un corpo su cui esser pianto,solo una triste,fredda tomba vuota.


Vedo mia Madre che piange affondando il volto nel petto di mio Padre... un uomo Rude, a cui, tuttavia, ho voluto bene...
e Tu, Madre, non riempire con le tue Amare lacrime questo cuore vuoto...

non Lacerarmi l'anima, perchè...

Io non sono più con Te...


pic, pic, pic...la pioggia cade incessante...
il cielo...Piange per me?
I prati adorni di gira…