Passa ai contenuti principali

Tortura

Sgranò gli occhi improvvisamente, lo stomaco era in subbuglio e sentiva come se al suo interno si fosse formato un vuoto che la stava divorando;  il cuore sembrava si fosse trasferito in gola, le tempie pulsavano violentemente. Stette cosi alcuni minuti, proteggendosi col buio della propria stanza. Eppure le immagini non andavano via dalla sua mente.

Non più.

Le aveva cacciate fin troppe volte dalla memoria e ora tornavano a galla, una ad una. Tutte.

Quell'episodio, però, lo aveva proprio rimosso.


Aveva le labbra asciutte, la gola secca. Dov'era la bottiglia d'acqua che aveva sempre accanto al letto?

"Maledizione!" imprecò.





"Maledizione!" urlò la ragazza con sguardo fiammeggiante. 
"Fermati Viola, dove pensi di andare eh?" sbraitò lui afferrandola per un braccio.
"Lasciami maledetto" cercò di divincolarsi "Mi fai male, non lo vedi?" lo rimbeccò.
"Non andare" la supplicò.
"Non andare? E cosa dovrei fare qui eh? Stare con un distrutto come te? Un alcolista, un drogato, un bugiardo cronico, un nulla!" lo fissò con disprezzo liberandosi e si diresse verso la porta, ma lui fu più veloce, le se mise davanti e la chiuse a chiave.
"Tu da qui non esci" sentenziò.

Lei lo squadrò spaventata.  


"Non guardarmi cosi, dannazione!" urlò con gli occhi rossi, gonfi, fuori di sé.

Si avvicinò a lei, però la ragazza indietreggiò.

"Lasciami andare" cercò di dire con calma seppure con voce tremula.

"Mai!" e con un impetto diede un pugno alla porta che conduceva in cucina. 

La ragazza lo seguì "Smettila con le scenate, dammi la chiave!" urlò e subito aggiunse "Cosa fai?! Che cosa stai facendo?".





Sentì l'acqua fredda scorrerle lungo la gola e l'esofago, fin nello stomaco.


Sospirò.



Davanti agli occhi quelle immagini.



Lui prende il coltello.






"Cosa sono questi tagli?" gli chiese Viola accarezzandogli un braccio. Lui la guardò tristemente, ma con imbarazzo.

"Prima, cioè quando tu ancora non c'eri, bevevo... cosi tanto che sentivo che il cuore mi si fermasse, spesso iniziavo a correre per assicurarmi che fossi ancora vivo, e spesso mi tagliavo per sentirmi ancora".







La ragazza si passò le mani fra i capelli.





Lui si indirizzò il coltello sul braccio sinistro, dove c'era l'iniziale del nome della ragazza.


Fu rapido, preciso.


Il sangue sgorgava.



E poi... la supplica di non lasciarlo.



Si puntò il coltello alla gola.






In lei scattò un black out.















Come era possibile che si fosse scordata quell'episodio?

La sua mente traditrice la stava torturando.


Le risate, i litigi, quella volta in cui le mise le mani attorno alla gola, le fughe, la lontananza, il sesso ossessivo, le paure, le speranze.




Improvvisamente sentì di non aver più respiro.


Si portò una mano alla guancia.



Aveva fame di aria.



Non poteva respirare! L'aria non entrava e i suoi polmoni si ostinavano a non funzionare.



Uno schiaffo.








Il più meschino dei tradimenti.








Tu chi sei?








Tu... sei un altro lui.










Si alzò dal letto e accese la luce.







Basta, basta cosi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Mi ecciti, mio caro. Tanto.

Mi eccito quando guardo le tue lunghe gambe nei jeans, quando spio il tuo petto e le tue mani grandi.
Mi eccita il pensiero di quando arriveremo a casa e ti scaraventerò sul letto.

Mi eccita quando esci dalla doccia e giri per casa avvolto solo nell'asciugamano lasciando scie di profumo, vorrei togliertelo e baciarti dappertutto, vorrei esplorare ogni centimetro della tua pelle.

Adoro la tua pelle tonica, adoro quando mi sussurri all'orecchio sapendo di eccitarmi, mi piace quando mi parli e io, invece, mi immagino come potrei fare l'amore con te.

Mi piace quando mi lasci stare sopra, fingendo di sottometterti per poi prendere possesso di me e farmi sentire che sei un vero uomo.

Ogni cosa che fai, che dici, come sei, mi eccita.

Ma sii sicuro che è la naturale conseguenza del fatto che ti amo. Tanto.

Sentimenti

Fuori ancora bianco.
Ancora freddo.
E silenzio.
Solo il suono del ruscello.
Dentro caldo. A volte piacevole, a volte soffocante.
Nel letto caldo.
Lui è caldo.
Dorme.
Io?
Spaventata.
Dal domani.
Il dottore due anni fa mi ha detto che sono ansiosa.
Non è vero.
Sono fin troppo tranquilla.
Ma “tu vuoi avere sempre tutto sotto controllo, vuol dire che sei ansiosa”.
Ansia.
La malattia del nostro tempo.
Forse sì.
Forse ho solo paura dell’ignoto.
Ho paura.
Si, ma non dell’ignoto.
Della morte.
Una fottuta paura.
In fondo morte e ignoto a volte possono essere sinonimi.
Sono spaventata.
Sempre.
Lo sento respirare.
Vorrei sentire questo suono per tutto il resto della mia vita.
Paralizzata.
Ma ci vuole coraggio per riprendere a camminare.

Lost in the wild (En.)

Two years he walks the earth.


No phone, no pool, no pets,


no cigarettes.


Ultimate freedom.


An extremist. An aesthetic voyager


whose home is the road.
So now, after two rambling years
comes the final and greatest adventure.


The climactic battle to kill


the false being within


and victoriously conclude
the spiritual revolution.


No longer to be poisoned
by civilization, he flees,


and walks alone
upon the land to become


lost in the wild.
Now you're in the wild,
what are we doing?


You're just living, man.


You're just there, in that moment,
in that special place and time.


Yeah.

Maybe when I get back,
I can write a book about my travels.


Why n